29th Edition - Südtirol Jazzfestival Alto Adige 2011

20.000 spettatori ai concerti jazz

Got to the Photo-Gallery of this edition

Got to the Video-Gallery of this edition

Frizzante, fantasioso e altamente virtuoso, il giovane trombettista tedesco Matthias Schriefl ha mandato il pubblico in visibilio. L’esibizione del quartetto di Schriefl Nord Sud, davanti al Museion di Bolzano, ha concluso in bellezza il Südtirol Jazzfestival 2011. E i suoi promotori guidati da Klaus Widmann sono decisamente soddisfatti.

L’ultimo giorno del festival 2011 è stato uno dei momenti culminanti di questi dieci giorni di concerti. Già alle 6 di mattina i suoni mistici dell’eterofono suonato da Pamelia Kurstin nel “Labyrinthgarten” della tenuta vinicola Kränzel, a Cermes, hanno incantato un centinaio di spettatori. E nel corso della giornata si sono tenuti ben otto concerti in rifugi vari di tutta la provincia: per la gioia dei patiti di escursioni ma anche di quelli del vino, che hanno potuto gustare gli „Albatrosh“ nel Klosterhof di Caldaro. La sera il palcoscenico è tornato di nuovo sui prati del Talvera davanti al Museion di Bolzano. Davanti a un tutto esaurito si sono esibiti prima il fuoriclasse americano della tromba Terence Blanchard, poi Matthias Schriefl con il suo Nord Sud Quartet che ha scatenato l’entusiasmo generale. L’artista ha suonato praticamente tutto quello che gli capitava fra le mani: tromba e basso tuba ma anche un palloncino o una melodia di gargarismi con la bocca piena d’acqua... Il pubblico gli ha reso omaggio con più standing ovation.

Più gente da fuori provincia
Per Klaus Widmann e per il suo team di organizzatori è stata una conclusione in bellezza dei dieci giorni di festival che hanno visto un centinaio di concerti: „Siamo più che soddisfatti di com’è andata, la presenza di 20.000 spettatori ci conferma che siamo sulla buona strada“, commenta Widmann facendo notare che il successo non sta solo nel maggiore interesse del pubblico. „Abbiamo registrato un aumento evidente di persone arrivate da fuori provincia, non solo da altre regioni italiane ma anche dalla Germania e dall’Austria.“ Si stanno quindi gettando le basi per un festival internazionale che ha come teatro l’Alto Adige.

Buone notizie per Widmann anche in merito alla qualità della musica proposta. Personalmente cita alcuni „highlights favolosi come Edmar Castaneda con Hamilton De Holanda, Pascal Schumacher, Francesco Bearzatti, il Nord Sud Quartett, il concerto di eterofono o il contrabbassista altoatesino Günther Pitscheider“. I musicisti altoatesini che hanno preso parte al festival erano complessivamente una ventina.

Per il team di Klaus Widmann comporre il programma è una grande sfida ogni anno: „Ci preme che il festival proponga sempre qualcosa di nuovo, che dia vita a nuove formazioni o nuovi progetti. Andiamo specificamente alla ricerca di nuovi talenti emergenti e di nuovi sviluppi musicali a livello internazionale.“ Solo quest’anno sono state incaricate cinque composizioni apposite. Prosegue Widmann: „Dei risultati sono davvero soddisfatto. Certo quando si cercano cose nuove si deve correre anche il rischio che l’una o l’altra non siano all’altezza delle aspettative. Ma nel complesso la qualità è stata molto alta, si è riusciti a far conoscere le molte sfaccettature, correnti e colori che compongono il mondo della musica jazz.“

Talvolta fresco ma in generale clemente, anche il tempo ha contribuito a valorizzare i vari teatri dei concerti in tutta la provincia: pure questo un aspetto essenziale della concezione del festival. „L’Alto Adige dispone di tanti posti meravigliosi. Ringrazio tutti i partner che ci hanno sostenuti in loco.“ Nei prossimi giorni la direzione esaminerà in dettaglio i risultati del festival 2011 in modo da migliorare ulteriormente la prossima edizione, che coincide con il trentesimo anniversario.

Nelle Foto:
Scene dell’ultimo giorno del festival – il concerto con eterofono prima dell’alba e il finale con Matthias Schriefl. Foto: Südtirol Jazzfestival Alto Adige / Günther Pichler

Una ampia scelta di foto - anche in qualità adatta alla stampa - si trova sul nostro sito www.altoadigejazzfestival.com

Bolzano, lì 4 luglio 2011

Newsletter

Be always up to date

Register here and receive free newsletters about the Südtirol Jazzfestival Alto Adige.

Top